Letteratura porno e il suo impatto social

Poco del contenuto video di Bellesa, però, lo distingue dagli altri siti porno; è Pornhub in un incarto Pinterest. Niente di sbagliato con quello per se-in realtà, una piattaforma porno con serve una varietà di video (non solo il softcore, roba romantica che è spesso assunto per attrarre più alle donne) con un’ interfaccia meno aggressivamente maschile sarebbe probabilmente fare bene.

Ma perché un sito possa essere all’ altezza del suo branding idealistico e femminista, deve tenere conto del lavoro e della proprietà intellettuale di coloro che producono i contenuti: artisti, registi e altri che realizzano i video per adulti come mvideoporno.xxx, sia che si tratti di fare accordi di distribuzione dei contenuti con lavoratori indipendenti del sesso o società di produzione etiche, produrre contenuti in casa o elaborare una sorta di piattaforma di condivisione degli utili per i contenuti creati dagli utenti.

L’ importanza del porno oggi

La rivista canadese The Link descrive il ruolo della fondatrice Michelle Schnaidman come curatrice o facilitatrice del porno -“lo rende disponibile per chi lo cerca”. Risolve quello che Joanna Weiss, scrittrice di trambusto, ha descritto come il “fastidioso problema del paywall”, con clip porno prese in giro da tutto il web, senza pagare o promuovere le persone che li hanno realizzati.

Bellesa chiede anche alle donne di caricare gratuitamente le proprie “storie erotiche, foto sexy e GIF e post di blog femministi”, per il divertimento di esso. A quanto pare tutto ciò che serve per trovare la pornografia femminista è essere disposti a band insieme ad altre femministe e diventare non pagato porno star, scrittori erotici e produttori di contenuti digitali per la causa! Shnaidman assicura alle donne che ha creato questa stanza di compensazione porno solo per le migliori e più femministe ragioni.

“Dobbiamo porre fine al fenomeno del troia e all’ idea antiquata che il sesso è qualcosa che gli uomini fanno alle donne”, ha detto Bustle. “O qualcosa che le donne fanno per gli uomini. Perché no. Una volta che la società finalmente accetta l’ idea che le donne amano il sesso (come, in realtà, il sesso), possiamo cominciare a frantumare lo stigma che circonda la sessualità femminile – e naturalmente il porno“.

Problemi con altri siti web

Il sito web di Bellesa denuncia i “paradigmi dominati dall’ uomo che hanno finora definito il sesso su Internet”, e il porno che è “dispregiativo ed escludente nei confronti delle donne”. “Il mercato dei servizi che soddisfano le esigenze sessuali delle donne è spesso trascurato a causa del mito che le donne sono meno sessuali degli uomini”, spiega Bustle. Ma su Bellesa ci saranno corpi “relazionabili”, interpreti che esprimono il piacere “autentico”, e tanti scatti di uomini nudi quanti le donne. La raffineria29 raccomanda addirittura alle donne di non iscriversi ad un servizio di abbonamento porno non “femminile” e di trovare invece il porno gratuito su Bellessa.

Sia i media femminili che Shnaidman mettono in evidenza i problemi (lunghi) che prevalgono tra le femministe più diffuse: la volontà di gettare alcuni tipi di donne sotto l’ autobus quando è conveniente; un’ apparente incapacità di considerare come la creazione di una condizione preferibile per qualche classe normativa di donne influenzerà quelle non appartenenti a questa classe; e una tendenza ad abbracciare la liberazione personale alle spalle dei gruppi più emarginati. Diversi produttori di film per adulti hanno già chiesto a Bellesa di ritirare il loro contenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *