Poesia contro la repressione

La pubblicazione cerca di portare l’impegno contro la repressione nel settore della cultura, in un momento in cui è ubicato sul fronte di lotta per l’egemonia ideologica, come testato in modo estremo, nel caso dei burattinai a Madrid.

“L’ondata di arresti e procedimenti giudiziari contro i creatori di dimostrare che la parola e l’arte continua a essere un’arma pericolosa soprattutto per il Potere costituito, ed è giunto il momento di dichiarare la ribellione poetica decreto del silenzio”, ha affermato di essere dall’organizzazione.

Lettura VS armi

La presentazione sarà caratterizzato da una breve presentazione GRATUITA della situazione di Gag leggi in Cantabria e sarà accompagnata da una lettura drammatizzata di poesie dal Raggruppamento Palco a Pochi.

Sono un gruppo di teatro amatoriale che sono state messe in atto le assemblee come ” Germogli verdi’, che mette in dubbio il discorso della ripresa economica e li renda protagonisti, vittime della crisi. Il raggruppamento fase di ‘Pochi’ nato a Santander nel 2012, con i membri che facevano parte di esperienze e il Collettivo di Drammatizzazione della PLACCA Foce del Carmen (Muriedas) o il Laboratorio di Teatro dell’Università della Cantabria.

È un collettivo di diverse, dagli studenti ai pensionati, che sostiene una poesia umana che si muove nelle scuole e in altri punti di incontro che sono utilizzati come scenari, al di là dei tradizionali tavole dei teatri.

Sicurezza o insicurezza?

Come si può leggere nel Farad negli ultimi mesi, prima dell’adozione della Legge sulla Sicurezza dei Cittadini, nella regione di Cantabria, ci sono già diversi avvisi ai naviganti sulle conseguenze delle proteste nelle strade. Maria di Gesù Cedrún, segretario generale della UGT, in Cantabria, è stato condannato a una multa di cento euro per il lancio di chiodi sulla strada dello sciopero generale (in un paio di fatti che lei ha sempre negato) e in cui alla fine è venuto una riduzione nella richiesta di sanzioni per essere sollevato inizialmente, e che è stato di circa 30.000 euro di multa.

Anche Paco Gómez Nadal, giornalista e attivista, driver del Vortice, di fronte a una prova, per la partecipazione ad una manifestazione di protesta in un ufficio bancario in Torrelavega, anche se, infine, il Procuratore ha chiesto per loro l’assoluzione. La capitale del Besaya, raccontata dai musicisti di Recidivi, è stata oggetto di una serie di fatti che i conflitti sociali legati alle proteste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *